Attività sociali, culturali e ricreative

Attività sociali, culturali e ricreative | ADOSItalia

Attività ADOS 2012

GENNAIO
6 gennaio – ore 15,30
CONCERTO DI EPIFANIA
con la collaborazione della “Filarmonica S.Barbara”
di Muggia diretta dal M.o Liliano Coretti

FEBBRAIO
5 febbraio – ore 11,30
S.Messa in onore di S.Agata
Patrona dell’Associazione
Chiesa Madonna del Mare (p.le Rosmini)
ore 12,30
Pranzo sociale

17 Febbraio, ore 15,30
“Incontro di Carnevale”
Festa mascherata con tombola
Ricchi premi e crostoli

MARZO
“PERCORSO SALUTE DONNA”
Ciclo di conversazioni promosse da ADOSITALIA
nell’anno 2012
1. marzo
“Le terapie complementari alternative: promesse mantenute?”
prof. Tullio Giraldi
“Medici e cure non convenzionali.
Mi posso fidare? Una griglia di valutazione”.
dott. Giorgio Pellis
“Le terapie alternative in oncologia”
dott.ssa Silvia Milani
8 marzo
“Alimentazione: aspetti dietetici”
prof. Euro Ponte (moderatore)
“Alimentazione in età pediatrice e adolescenziale”
dott. Giorgio Tonini
“Alimentazione dell’anziano”
prof. Gianni Biolo
15 marzo
“L’assistenza infermieristica al paziente ricoverato
per intervento di chirurgia alla mammella”
Caposala Lidja Humar
“Il percorso del paziente e la prsa in carico presso
il Centro Sociale Oncologico”
Rosanna Favretto,Vice coordinatrice della S.C.Centro Sociale Oncologico
“Volontariato: integrazione dei servizi socio-sanitari”
Luisa Nemez, Donne Operate al Seno, associazione di volontariato ONLUS

31 marzo
“Nuova Primavera di Vita”
“Incontro di Pasqua” – ore 11,00
S.Messa e offerta del Cero pasquale
Segue Incontro conviviale tradizionale:
pinza e prosciutto e mercatino

MAGGIO
24, 25 e 26 maggio a San Daniele del Friuli
VIII corso di linfodrenaggio
per informazioni e iscrizioni telefonare a Paola Miotto
tel. 0432 949230 lunedì e giovedì pomeriggio 15 – 18

GIUGNO
9 giugno – Gita sociale al Villaggio del Pescatore
(visita al Museo paleontologico)
bus 44 da p.zza berdan
Pranzo in ittiturismo
camminata fi no alle foci del Timavo

SETTEMBRE
20, 21 e 22 settembre a Pompei
IX FORUM Associazioni Donne Operate al Seno

OTTOBRE
14 ottobre – Partecipazione alla “Barcolana”

12 e 26 ottobre
Mese della Prevenzione negli Istituti scolastici

NOVEMBRE
venerdì 30 novembre ore 10: inaugurazione Mercatino di S.Nicolò
dalle 10,30 alle 19,00 vendita degli articoli artigianali confezionati dalle volontarie
La ve ndita proseguirà sa bato 1.dicembre dalle 9,30 alle 19,00.

DICEMBRE
13 dicembre
“Incontro di Natale”
con inizio alle ore 15,00
Grande festa e ricchi doni con pesca , tombola, rinfresco e…qualche cosa in più.
28 dicembre – ore 18 kin sede
Relazioni attività 2012, bilancio sociale
Brindisi augurale

Attività ADOS 2011

Concerto di Epifania: Dal 1979 “Concerto di Epifania” con la “Filarmonica Santa Barbara” e consegna “Targa della solidarietà silenziosa” (La Voce n.158)

Omaggio alla Patrona “Sant’Agata”Bolla ecclesiale – v. “La Voce” n.40 – v. foto

Incontro di Carnevale (La Voce n.149)

“Nuova Primavera di Vita”
L’idea è nata dopo la lettura di un libro di Susan Sontag dove veniva data la definizione che la “malattia è l’inverno della vita”. E’ sorto spontaneo il pensiero che se la malattia è l’inverno della vita la guarigione ha il significato di “Nuova Primavera di Vita” . Da allora ogni anno il 21 marzo, inizio di  primavera si celebra la “Giornata Nuova Primavera di Vita” (brano e testoXXV Giornata Nuova Primavera di Vita 2011)

Incontro di Pasqua

Gita sociale annuale
Abbiamo voluto dare a queste gite/incontro un carattere culturale : parliamo del turismo sostenibile, quel turismo cioè che offre servizi e strutture realizzati nel rispetto dell’ambiente, che si pone l’obiettivo di preservare il patrimonio storico, che è rispettoso delle radici culturali e delle tradizioni. . Come lo facciamo? Facendo conoscere Trieste e il suo Carso dove attraverso sentieri guidati (anche per non vedenti) si va alla scoperta di oasi naturali sulle tracce del tempo . E ancora una città da far conoscere attraverso i ritrovamenti archeologici, illustrando il borgo Teresiano e il borgo Giuseppino, i molti esempi di architettura neoclassica e Liberty.

Mercatino di S. Nicolò

Incontro di Natale

Incontro di fine anno

Assistenza sociale
Pratiche per il rilascio delle protesi e avvio pratiche per eventuale domanda di invalidità

Ciclo annuale di conferenze e convegni
Giornate “Percorso salute donna” elaborate dalla nostra Commissione scientifica . Ogni anno un tema diverso secondo il principio che “Informare è un dovere/ Conoscere è un diritto”

Le Giornate sono servite a dimostrare quanto è vasta la nostra area di intervento: infatti dal 1990 è attivo un altro braccio operativo “Area Salute Donna”  che si prefigge lo scopo di promuovere, avviare e sostenere ogni iniziativa regionale, nazionale e internazionale ad esplicarsi anche congiuntamente con altre istituzioni, finalizzata allo studio, all’informazione, alla sensibilizzazione individuale e sociale in ordine ai problemi connessi alla salute della donna  (Studio Notaio Gargano, 7 marzo 1990 n. di rep. 90813).

Per cui dal primo ciclo interamente dedicato al cancro della mammella, ne è un seguito uno dedicato alla menopausa, ai tumori della sfera genitale femminile, si è parlato dell’osteoporosi, abbiamo sensibilizzato le donne sull’importanza dello screening, psicologia e qualità di vita (La Voce n.144),  l’importanza di invecchiare bene, fisiologia dell’alimentazione (v. anche La Voce n.167).

BILANCIO SOCIALE DELLE ATTIVITA’ SVOLTE NEL 2011

ADOSITALIA

BILANCIO SOCIALE  DELL’ATTIVITA’ SVOLTA NELL’ANNO 2011

L’Associazione è sorta per colmare un vuoto di assistenza in un settore  specifico, cioè in quello delle donne operate al seno per cancro. E la necessità era tanta e tale che il servizio si è propagato per gemmazione. Era l’anno 1976, le donne subivano allora l’intervento secondo Halsted (resezione dei muscoli piccolo e grande pettorale e svuotamento del cavo ascellare) e tutto finiva lì. Il decorso post-operatorio era lungo e doloroso. Fu così  che ebbe inizio la nostra mission : la riabilitazione globale :
n     Constata la presenza del dolore post-chirurgico nel 55% cca dei casi siamo partiti dalla riabilitazione fisica, indispensabile punto di partenza per arrivare alla riabilitazione globale
RIABILITAZIONE  per sollevare la  donna dagli inevitabili  dolori post-chirurgici
RIABILITAZIONE per aiutare la donna nel reinserimento sociale e familiare e nella ricostituzione dell’unità psico-corporea;

  • RIABILITAZIONE riferita al modo di vivere e all’attività della persona  per aiutarla nel suo disadattamento alla malattia e alla comunità e per eliminare quelle incongruenze e quelle incomprensioni che  possono insorgere  tra l’ammalato e l’ambiente che lo circonda a causa dell’unione di fattori di ordine psicologico e comportamentale che ne derivano.

n     BENESSERE FISICO
In quanto l’assenza o la riduzione del dolore e delle limitazioni funzionali costituiscono sempre la prima richiesta della paziente

n     BENESSERE PSICOLOGICO
n     Attraverso il gesto fisico della riabilitazione si stabilisce il contatto e si crea l’opportunità per il dialogo e con esso il veicolo per lasciar affiorare paure, tensioni, speranze:

n     Si aiuta la donna a riscoprire se stessa

n     BENESSERE SOCIALE
n     La socializzazione, l’incontro cioè con altre donne che hanno percorso e superato la stessa esperienza, per una condivisione dei problemi.
n     Progetto “Area Salute Donna”
n     Per estendere l’intervento  della associazione a tutte  quelle donne con tumore al seno ma soggette anche ad altre patologie legate alla
n     Sfera genitale femminile
n     Osteoporosi
n     Disturbi vascolari
n     obesità
n     Dare quindi maggiori informazioni affinchè la cultura della prevenzione raggiunga tutte le donne
 solo conoscendo il proprio corpo si può proteggerlo e difenderlo
n     Un associazionismo dettato da una particolare attenzione nei confronti del potenziale ammalato.
n     Offerto una vasta gamma di servizi  non inducendo nuovi bisogni ma andando incontro a quelli emergenti
n     Orientato le attività ad un appoggio esterno lasciando alle pazienti la possibilità di riequilibrarsi e riscoprirsi da sole, offrendo loro solamente situazioni di stimolo positive
n     Personalizzato gli interventi per favorire la scoperta dell’impegno personale su principi di solidarietà umana:

n     TESTIMONIANZA DI RAGGIUNTA INTIMA ARMONIA

Questa la nostra mission. Il nostro bilancio che, prima di esprimere contabilizzazioni, conti economici, vuole esprimere la dimensione sociale ed etica della nostra attività. Etica, appunto, per esprimere gli impegni presi ancora nel 1976 verso la qualità del servizio, la tutela della salute, la tutela della persona, aiutare e incoraggiare le persone a tutelare la propria salute, quella dei propri familiari e della comunità.
Ci siamo assunti un impegno etico che è quello di operare nel pieno rispetto della persona e della sua individualità andando incontro alle realtà socio-sanitarie del nostro Paese con interventi mirati alle effettive esigenze e culture e concentrare così il lavoro in quelli che sono i bisogni emergenti.

La nostra missione la possiamo esprimere in cifre:

prestazPresenze vol.ore
servizio segreteria5593354
Servizio Ospedaliero*221560
Tecniche di rilassamento26982761104
Ginnastica e nuoto108090360
Terapia occupazionale268824
Riaiblitazione e linfodrenaggio**16114983028
Assistenza sociale2183461038
  • * servizio ospedaliero: l’accesso all’ospedale è diventato più difficile: 1) le degenze sono ridotte al minimo; 2) in tutto il mondo civile viene riconosciuto l’enorme supporto psicologico che la donna operata riceve nell’incontro con altra donna operata che ha superato la malattia  (negli Stati Uniti ciò avviene dal 1953); a Trieste siamo state la prima e unica associazione a introdurre questo approccio con grande soddisfazione delle pazienti. Ciò, ora,  viene per lo più negato.
  • ** Con la tecnica del linfonodo sentinella e con una chirurgia meno demolitiva, il numero delle pazienti che ricorrono alla riabilitazione , fortunatamente, è molto diminuito.